Cultura Federale

Torna Indietro

BETAZED



Nome presente nel catalogo federale: Betazed, Beta Veldonna V
Nome locale: Betazed o Cyndriel
Sistema: Beta Veldonna o Hainara
Quadrante: Alpha
Classe: M
Lune: Tre: Avandar, Marandar, Keylandar o Lonita
Popolazione: 1.3 miliardi
Gravità sul pianeta: 1.0 g
Diametro: x Km
Circonferenza all'equatore: x Km
Superficie totale: x Km²
Superficie terre emerse: x Km², 78 %
Lunghezza del giorno: 25 ore


SISTEMA STELLARE:

    Beta Veldonna (Stella Principale)
  • Beta Veldonna I (Hynozad)
  • Beta Veldonna II
  • Beta Veldonna III
  • Beta Veldonna IV
  • Beta Veldonna V (Betazed)
  • Beta Veldonna VI (Darona)
  • Beta Veldonna VII
  • Beta Veldonna VIII


Beta Veldonna, stella nana gialla classe spettrale G2 V, ospita otto pianeti di cui due abitati: Betazed e Darona rispettivamente quinto e sesto pianeta. Darona, caratteristica per il suo cielo rosa ed un tempo una colonia penale, è una colonia agricola betazoide con installazioni di ricerca medica e scientifica. La capitale di Darona è Jarkana, una città non molto grande costruita con impasti dei mattoni in argilla rossa daroniana.
Hynozad è un pianeta di clase F, culturalmente evitato per le credenze religiose Betazoidi che fanno del pianeta una sorta di terra sacra degli Dei. Il primo pianeta ha infatti la caratteristica unica di assorbire una quantità significativa di luce che fa si che nel cielo di Betazed brilli con un intensità poco inferiore della stella principale.


GEOGRAFIA ED URBANIZZAZIONE



Betazed, "Il gioiello della corona esterna" come sono soliti chiamarlo commercianti e visitatori, è un mondo di infinita bellezza, ricco di vegetazione e le cui acque si estendono per il 78% della superficie. La gravità e l'atmosfera su Betazed sono del tutto simili a quelle che si possono trovare su pianeti come la Terra.
Il pianeta è diviso in cinque continenti ed un centinaio di isole minori. I continenti ospitano catene montuose ricche di una serie di minerali che catturano la luce del sole e stendono delicate sfumature di colori sul paesaggio, altrimenti il suolo di Betazed non è ricco di materie prime, ma abbonda di un minerale di colore verde, sfaccettato e brillante, chiamato. Versina. Il cielo di Betazed ha colori azzurri accesi e le nuvole tendono ad assumere colorazioni rosate.
Il clima di Betazed è caratterizzato da aree climatiche che vanno dalle fasce tropicali a quelle artiche con temperature medie estive di 23°C e invernali di 13°, il tempo è spesso gradevole con piogge occasionali molto intense che si presentano con eccezzionale rapidità.
Betazed non implementa strumenti di controllo atmosferico. Il movimento delle maree su Betazed è osservato con grande attenzione per via dell'influenza di ben tre lune su di esso tanto che le tempeste costiere sono uno dei maggiori problemi del pianeta da sempre.
Le città su Betazed si sono sviluppate senza intaccare l'ambiente rurale del pianeta che ha potuto mantenere una fiorente cultura rurale intorno alle principali città. Nei secoli di sviluppo pacifico Betazed ha potuto costruire dei veri e propri centri cittadini costruiti intorno a cultura e filosofia, non è insoltio quindi trovare città ricche di università, luoghi religiosi, scuole di pensiero in proporzione quasi maggiore rispetto alle attività commerciali e produttive.

Alcuni dei luoghi più importanti del pianeta sono il Lago Cataria; le cascate Janaran nella giungla jalariana, seppur sia pericoloso raggiungerle attraverso la giungla ricca di pericoli naturali; il Lago Bacarba; I Cieli che Cantano, dove i betazoidi tradizionalmente lasciano al vento le ceneri dei loro cari defunti; le montagne Loneel e la valle Loneel formatasi dal vulcano spento che un tempo aveva il suo cratere e che durante l'attacco del Dominio ha permesso a molti Betazoidi di sfuggire alla cattura grazie all'alta concentrazione di fistrium nelle rocca che interferisce nel funzionamento dei sensori. Lo splendido Mare d'Opale ed il Lago El-Nar.

Appronfondendo l'argomento:

MEDARA: Antica capitale culturale di Betazed, è situata nel più grande dei cinque continenti. Tuttora è in questa città si tengono le riunioni del Consiglio delle Case, in cui hanno un posto i rappresentanti delle Venti Case di Betazed, che si alternano alla Presidenza del Consiglio stesso. Medara è sede dei ministeri, della camera allargata dei rappresentanti, degli uffici governativi oltre che del palazzo di riferimento della Federazione Unita dei Pianeti. Molti di questi rappresentanti hanno una residenza che si affaccia sulla vasta Piazza della Contemplazione, al centro della città . Questa stupenda piazza, è il punto focale per la vita spirituale dei cittadini; infatti ai suoi lati vi sono tantissimi piccoli templi dove si svolgono la maggior parte delle celebrazioni e delle manifestazioni nei giorni di festa.
Medara si estende per molti chilometri al di fuori del centro della città allungandosi verso le piccole cittadine limitrofe. Tutte le case sono circondate da vasti giardini, ricchi di piante e fiori colorati e profumatissimi. Le varie vie della città partono a raggiera dalla Piazza della Contemplazione e dividono così i vari distretti; quello religioso da quello amministrativo, quello degli affari e del commercio da quello residenziale. Essendo quella Betazoide una cultura con forti convinzioni religiose vi sono comunque parecchi piccoli templi disseminati in ogni zona della città.

DALARIA: La città di Dalaria ospita il più grande spazioporto del pianeta: migliaia di navette arrivano e partono ogni giorno dal trafficato spazioporto. Dalaria ha vaste attrezzature e tecnologie atte al trasporto ed è il principale snodo commerciale dell'intero pianeta. La città ha più volte ospitato la biennale "Conferenza per gli Accordi Commerciali". Dalaria è famosa inoltre per la sua prestigiosa università.

LAGO CATARIA: Uno dei luoghi più incantevoli e suggestivi del pianeta, frequentato ogni giorno da migliaia di turisti. Le coste frastagliate e ricche di anse e calette, offrono privacy e riparo ai vari gruppi di visitatori. Le acque del lago, pur se cristalline e chiarissime sono molto profonde in alcune zone, è quindi opportuno non perdere mai di vista la riva durante una nuotata o un giro in barca. Proprio nuotando, navigando e pescando, i betazoidi passano il loro tempo libero sul lago Cataria, approfittando poi della gustosissima e ricca cucina che viene offerta dai molti alberghi e ristoranti che sorgono lungo le rive del lago stesso.

GIUNGLA JALARIANA: Jalara , uno dei luoghi più inesplorati, selvaggi e ricchi di fascino di tutto il pianeta. La Jungla Jalariana si estende per parecchi chilometri quadrati, in un continuo alternarsi di radure erbose e zone di fittissima vegetazione. Non è raro incontrare nelle radure, piccoli laghetti fangosi che a volte nascondono insidiose sabbie mobili, popolate da lunghi serpenti d'acqua molto simili ai pitoni terrestri. Il cuore di Jalara è un posto quasi sacro, tanto è il mistero che lo circonda. Parecchi di coloro che vi si sono avventurati, non ne hanno fatto mai ritorno. Infatti al suo interno, vivono specie infinite di piante velenose ed animali feroci, ma anche arbusti ed alberi dai frutti prelibati e dai profumatissimi e variopinti fiori, che spesso vengono adoperati per addobbare i templi durante le cerimonie di matrimonio.

I CIELI CHE CANTANO: Un particolarissimo luogo del pianeta Betazed, usato dai suoi abitanti per la meditazione e la contemplazione e per testare le proprie abilità empatiche. Esso genera meravigliose armonie nella mente empatica e sensibile di un betazoide. I nativi amano dire che, per sentire il suono, bisogna essere "sintonizzati".
Il panorama che si può ammirare dall'altura rocciosa atta alla meditazione, è mozzafiato. La terra si estende fin dove può arrivare lo sguardo, selvaggia e piena di crateri, con grandi creste di montagne che si innalzano verso un cielo iridescente di arcobaleni colorati e fiammeggianti.
Da una descrizione dettagliata dei Cieli che Cantano, si evince che nessuno riesce subito a sentire la musica, bisogna trovare la strada giusta dentro di sè. Si deve riuscire a raggiungere una armonia con il mondo e con sè stessi e cercare di trovare un equilibrio perfetto tra la mente e lo spirito e solo in quel particolare e preciso momento si può riuscire ad udire la musica nella propria mente. Una melodia incredibilmente intensa, dolcissima o maestosa a seconda dello stato d'animo del telepate, una sorta di luci musicali danzanti, praticamente indescrivibili ad un non-empatico. Questo luogo, tradizionalmente, è usato per dire addio ai cari defunti le cui ceneri vengono lasciate al vento per mescolarsi con la melodia.


STORIA

I EPOCA BETAZOIDE: Di quest'epoca, alquanto oscura e poco conosciuta, si hanno informazione solo di carattere generale e approssimativo.
Sono rari, infatti, gli scritti ritrovati poiché tutta la narrazione storica è stata tramandata per via orale e, come spesso capita, la storia che poteva essere veritiera è stata tramandata come se fosse un mito.
Queste rimembranze storiche parlano sopratutto dei primi betazoidi e dei loro primi insediamenti, dei loro primi culti religiosi, tra cui quello del Dio Menzoid (III-IV secolo). Vengono narrati le guerre religiose e di conquista. I primi insediamenti si presentavano come piccoli villaggi rurali di tipo feudale e che vivevano diagricoltura ed allevamento.

II EPOCA BETAZOIDE: Lo sviluppo agricolo e l'allevamento, in quest'epoca, hanno raggiunto il loro culmine. Si hanno testimonianze dello sviluppo di Betazed fino agli albori dell'era pre-industrializzata.

III EPOCA BETAZOIDE: Viene anche chiamata l'epoca del classicismo, dove vediamo come la passione per l'arte, la cultura e la religione, ha raggiunto il suo massimo apice e fasto. In questo lasso di tempo la fiorente arte betazoide ha trovato il suo sfogo principale nella costruzione dei numerosi templi dedicati alle proprie divinità . Sono opere di notevole e squisita bellezza e le scuole di arte, di pensiero, filosofia e sulla preservazione dei culti religiosi, fiorirono in ogni dove. L'industria fiorisce, ma non raggiunge grandi livelli, poichè Betazed non è ricco di risorse minerarie. Inoltre vengono contate numerose innovazioni sia tecnologiche che scientifiche, che porteranno il pianeta a conoscere un periodo di benessere generale.

IV EPOCA BETAZOIDE: E' l'epoca delle esplorazione spaziale e dell'avanzamento tecnologico. Betazed in questo periodo ha raggiunto la meta del motore a curvatura, del massimo splendore culturale e dell'affermazione religiosa, in cui è compresa anche la più alta consapevolezza dei doni telepatici.
Ma è un'epoca anche turbolenta, sconvolta da guerre sanguinose e da conflitti razziali.

La storia di quest'epoca di Betazed, a discapito delle ricerche e della verità portata a galla dagli storici federali, viene ufficialmente riassunta, e romanzata, così:

Molti Miti di Betazed riguardano il dono che è stato concesso dagli Spiriti ai betazoidi: la telepatia. Tale capacità è stata conferita loro per i meriti che hanno guadagnato nel rapportarsi correttamente al mondo naturale intorno a loro.

Altre storie invece narrano di una divinità considerata come un nemico vizioso, che per gioco o per dispetto, ha diviso e sparso i poteri telepatici. Per questo motivo, ma non si sa quanto possa esserci del vero in ciò, sul pianeta scoppiarono innumerevoli guerre. Una delle Leggende fondamentali di Betazed, cita KHRYSAROS. Questi è considerato un eroe mistico, che ha usato i suoi poteri per sconfiggere i nemici, senza far nessuna distinzione. "Ne sconfisse tanti, quante sono le stelle nel cielo", cita un detto a lui dedicato. Dopo questa vittoria, si iniziò a vivere una nuova età dell'oro. I suoi insegnamenti sono vissuti e si vivono ancora, tramandati grazie ai suoi discepoli.
Degno di nota è RIXX, il quale fu custode di una serie di anelli sacri, che viene narrato racchiudano la somma dei poteri di Khrysaros e che sono stati il simbolo dell'aristocrazia betazoide da quel tempo.

Originariamente Betazed era suddiviso tra piccoli Regni o Città Stato, in perenne lotta fra loro e fu proprio Khrysaros a riunire le varie fazioni sotto un unico governo. Fu un'oligarchia teocratica ad assumere il controllo del pianeta. Soltanto ai nobili era concesso di entrare nel Sacerdozio e far parte così della casta religiosa che deteneva il potere.
In seguito all'unificazione si ebbe un costante incremento dello sviluppo tecnologico che portò i betazoidi a compiere il loro primo volo oltre l'atmosfera del pianeta, che diede così il via all'era spaziale.
Quando i betazoidi si avventurarono nello spazio per la prima volta, entrarono in contatto coi Terabin, abitanti di un mondo vicino. La scoperta che esistessero specie umanoidi prive di telepatia lasciò in un primo momento disorientati i betazoidi, che tuttavia riuscirono in breve tempo ad instaurare relazioni amichevoli con i Terabin. Tuttavia questi cominciarono a sospettare dei betazoidi e a diffidare delle loro capacità telepatiche.
Il sistema di scambi che si era instaurato tra le due culture iniziò a vacillare e lentamente si ebbe l'incrinazione dei rapporti tra i due popoli. Lo scontro raggiunge il suo apice quando i Terabin internarono i betazoidi sul loro pianeta in campi di concentramento, scatenando così una lunga e sanguinosa guerra tra i due mondi che durò per anni.
Solo dopo molte insistenze, i Terabin si sedettero ad un tavolo per le trattative di pace, nonostante a quel punto avessero ormai raggiunto una netta superiorità bellica. Dopo mesi di trattative si riuscì a concludere il negoziato con successo, stipulando così l'ARMISTIZIO DI TERABIN.
Come risultato di questo primo incontro con razze aliene non dotate di poteri telepatici e della guerra che essi avevano provocato, i betazoidi decisero di mettere in atto una regolarizzazione sull'uso delle proprie capacità , iniziando così ad utilizzare la loro telepatia con discrezione estrema. Venne introdotto il Codice di Sensibilità secondo cui le abilità telepatiche risultano essere un vero e proprio dono fatto dagli spiriti e che come tale devono essere gestite con parsimonia, rispetto, saggezza e sopratutto discrezione nei contatti con altre culture.
Questo Codice ha assicurato ai betazoidi un metodo semplice ed efficace per non commettere gli stessi errori che furono commessi con i Terabin.
Al termine del conflitto e in seguito alla stipula della pace su Betazed iniziò la ricostruzione. Non passò molto che si ebbe il primo contatto con la Federazione Unita dei Pianeti.

IV EPOCA BETAZOIDE:Correva l'anno 2230 e la Avandar, prima nave a velocità Warp dei betazoidi veniva contattata dal vascello vulcaniano Yeht Fai-Tukh. Quarantatre anni dopo, nel 2273, Betazed ottiene ufficialmente l'annessione come membro alla Federazione Unita dei Pianeti.
Nello stesso periodo il potere del sistema teocratico perdeva influenza tra la popolazione ed in pochi anni tutto quello che restava dell'aristocrazia era racchiuso in poche casate mentre il potere veniva trasferito ad un organo democratico.

Nel ventiquattresimo secolo, le mire espansionistiche portarono il Dominio ad attaccare e conquistare Betazed durante un operazione di addestramento della 10a Flotta. Nell'arco di poche ore il pianeta cade in mano al nemico, un duro colpo per l'intera popolazione federale.
Il Dominio, ritenendo di dover approfondire le ricerche sui poteri telepatici dei betazoidi, causa anche della scelta di rapida annessione di Betazed, avvia esperimenti sulla popolazione affidando le ricerche al medico Cardassiano Crell Mosel. I più talentuosi telepati betazoidi vengono braccati e cacciati dai jem'hadar e migliaia di persone scompaiono nella notte sulle navette del Dominio.
Crell Mosel, in pochi mesi, riesce a sviluppare una potenziale alterazione genetica per i jem'hadar, rendendoli sostanzialmente telepatici seppur senza capacità di controllo ma, poiché il sistema mentale jem'hadar sfrutta processi differenti da quello betazoide il progetto subisce un forte rallentamento. I jem'hadar iniziano a subire un pesante bombardamento empatico dagli inconsapervoli presenti e, quando i betazoidi si accorgono della cosa organizzano un contrattacco sulle nuove truppe jem'hadar bombardandoli con la telepatia invasiva. Il 40% dei betazoidi morirà nel partecipare a questa tecnica o raggiunti dai braccatori jem'hadar mentre la applicavano. La maggior parte dei jem'hadar modificati geneticamente cade in uno stato catatonico, altri scoppiano in una furia cieca e si scontrano tra loro e contro i normali jem'hadar. Gli ultimi mesi di permanenza del Dominio su Betazed costano quasi di più che le importanti battaglie.

L'occupazione del pianeta durò circa un anno, ma bastò questo breve lasso di tempo a permettere al Dominio di sterminare più di quattro miliardi di persone nel corso dei tentativi di sedare le rivolte, sfruttando armi di distruzione di massa.

I BETAZOIDI


Classe: Mammalia
Ordine: Primati
Specie: Betazoide
Altezza media: 160 / 200 cm
Peso medio: 60 / 100 kg
Aspettativa di vita media: 120 anni


La gente betazoide è fisicamente molto simile agli umani. Come apparenza biologica sono praticamente identici escluso per i loro occhi, le cui iridi sono completamente nere, un minor irsutismo nei maschi ed alcune piccole differenze nella distribuzione degli organi interni. Sono possibili incroci tra betazoidi ed altre specie con sangue a base di ferro. La loro struttura è a base di carbonio, con sangue a base di ferro. Due delle differenze biologiche di maggior rilievo riguardano le donne betazoidi. Infatti per queste, il periodo della gestazione dura appena più di dieci mesi (a volte, donne betazoidi dalle spiccate facoltà telepatiche riescono a "sentire" i pensieri del bimbo che portano in grembo) ed inoltre attraversano due differenti periodi di "pubertà": uno attorno ai 10-12 anni di vita, l'altro tra i 50 e 60 anni, conosciuto come "Fase", in cui per le donne betazoidi la carica sessuale risulta addirittura quadruplicata!!! E' tradizione, per chi non fosse ancora sposata, focalizzare tali energie sessuali su un uomo, che normalmente (teoricamente) diverrà suo marito.
Sempre durante la terza età, alcuni betazoidi possono essere colpiti da una insolita malattia, chiamata "Febbre di Zanthi", cha causa la proiezione delle proprie emozioni sugli altri. Questo tipo di "febbre", colpisce generalmente i soggetti adulti e di una certa età.

Capacità Telepatiche
La sede delle capacità telepatiche dei Betazoidi è nella corteccia e nel cervelletto. Tutti i Betazoidi sviluppano capacità telepatiche ad un certo punto della loro vita.
La specie betazoide è dotata di due abilità extrasensoriali: la telepatia e l'empatia. La prima è presente solo nei betazoidi puri, è estremamente raro che si manifesti in ibridi e solitamente lo fa in forme davvero fievoli. La seconda invece può essere presente in diversi gradi anche negli ibridi.
Il periodo più comune è durante l'età della pubertà (di solito attorno ai 10-11 anni); in questo periodo i bambini betazoidi vengono educati all'uso di tali facoltà per poterle applicare nel modo più corretto. Vi sono invece alcuni Betazoidi che nascono già con poteri telepatici molto forti; questi devono sottoporsi a speciali terapie che li aiutino a filtrare il "rumore telepatico" (o rumore di fondo) di tutte le menti che li circondano mantenendo comunque invariate le loro incredibili capacità.
Esiste un Codice guida per le doti telepatiche dei Betazoidi e che le "ingabbia" con rigidissime regole comportamentali. Grazie a questo Codice le altre razze non devono in nessun modo temere i poteri mentali dei Betazoidi, un Betazoide non potrà mai "leggere" la mente di un altro essere senza la sua autorizzazione. Mai un Betazoide si introdurrà a forza nella mente di qualcuno, sondandone i pensieri ed i sentimenti più reconditi, senza avere da questi l'esplicito permesso di farlo. Esistono ovviamente cattive eccezioni.

Avere capacità telepatiche ha enormemente influenzato questo popolo, e grazie anche alla lettura del pensiero, sul pianeta non si verificano guerre da tantissimo tempo.
Uno dei valori principali che contraddistinguono questa cultura è l'onestà; mentire ad un Betazoide è quasi impossibile difronte ad un altro betazoide, per formazione culturale quindi è molto difficile che questo avvenga in altre circostanze. Un antico detto del luogo recita così: "Chi dice una cosa e ne pensa un'altra, combatte dentro di sè una terribile guerra".
Le basi su cui poggiano i rapporti interpersonali tra i Betazoidi, sono fondate sulla filosofia del "RABEEM", che tradotto letteralmente significa "capisco, comprendo". Ciò sta a significare che la telepatia del betazoide, che gli permette di leggere i pensieri ed i sentimenti del proprio interlocutore, fa sì che si possa entrare in totale comunione spirituale tra diversi individui, condividendo gioie e dolori, sogni e frustrazioni dell'altro, in modo profondo e coinvolgente. I Betazoidi tra loro comunicano con l'uso della telepatia, ma in presenza di visitatori stranieri, per rispetto verso questi ultimi, usano la comunicazione orale.
Le capacità telepatiche dei Betazoidi, non hanno effetto su razze dal cervello quadrilobato, come i Ferengi, i Breen, gli Ulliani e i Dopteriani.
Una parentesi va apert riguardo a casi particolari tra ibridi betazoidi. Sono stati riscontrati casi quasi del tutto eccezionali dove le limitate capacità si sono dimostrate invece, in entrambe le discipline psioniche od una sola, ben superiori ad un puro betazoide. Si ritiene che questi casi eccezzionali siano il risultato di uno sviluppo genetico arricchito, anziché intorporito, dal gene del genitore non betazoide.



CULTURA E SOCIETA'

I Betazoidi sono aperti ed amichevoli, socievoli e disponibili, sempre pronti a mettere le loro doti empatiche e telepatiche al servizio di altri popoli e di altre culture, ma grazie ad una rigida disciplina, che viene loro insegnata fin dalla fanciullezza, riescono a "chiudere la mente" rispettando i pensieri e i sentimenti di chi non gradisce essere "sondato" da loro. Queste loro capacità li rendono quindi una ricchissima cultura, con forti principi spirituali; principi che li hanno portati ad essere tra i primi membri della Federazione Unita dei Pianeti fin dalla sua nascita. Betazed fu infatti uno dei primi pianeti ad essere annessi alla Federazione e ne è tuttora uno dei più importanti membri.
Tra la popolazione betazoide troviamo alcuni dei migliori diplomatici, ambasciatori e consiglieri della Federazione. C'è almeno un ufficiale betazoide in ogni vascello della Flotta Stellare, che presta il suo servizio generalmente nella sezione medica o scientifica della nave. Parecchi Betazoidi hanno avuto particolare importanza e successo in missioni di primo contatto o negoziati e mediazioni con popolazioni aliene particolarmente "difficili".

Essendo una razza pacifica che ha sviluppato notevoli capacità telepatiche, i betazoidi apprezzano l'arte, la letteratura e la filosofia.
La società betazoide rispetta tradizioni e cerimonie formali ed elaborate, molto più di altre culture nel loro stesso livello evolutivo. Alcuni di questi riti, spesso, mettono a disagio i federali più conservatori. Degno di nota, il tradizionale rito matrimoniale, nel quale nessun abito deve essere indossato. Sebbene non ci siano restrizioni ufficiali basate sul sesso, in questa società , le donne hanno in mano per tradizione posizioni di potere.
I Betazoidi sono una razza di pacifici filosofi che sono più propensi a osservare che ad agire, e di conseguenza non hanno grande conoscenza delle armi o di sistemi di difesa.
Le Case di Betazed sono il top della alta società betazoide. Ogni individuo che ne fa parte è considerato diretto discendente degli antichi ed ancestrali creatori di Betazed. Le case sono numerate e classificate in base alla sua antichità nella società. Se ne contano venti e quella più conosciuta è la Quinta Casa di Luaxana Troi, associata al fondatore Rixx e un tempo parte dell'aristocrazia in ruoli non diversi da quelli di un monarca.
Le grandi case nobili di Betazed ancora mantengono un status privilegiato su Betazed, anche se il loro potere è calato negli anni. Le loro origini sono legate all'esercizio del sacerdozio e della spiritualità di Betazed. Una distinzione culturale ancora esiste su Betazed. Mentre ci sono leggi che prevengono la discriminazione basate sulla diversità di origine, un titolo nobile ancora porta peso.
Al momento, molti giovani betazoidi delle recenti generazioni hanno iniziato a rifiutare i loro coniugi geneticamente scelti, per sposarsi con il loro 'Imzadi'. Il termine Imzadi traduce scioltamente 'adorato', ma va ben oltre questo significato. La relazione comporta spesso anche un'obbligazione psichica tra i due. È un collegamento profondo che dura una vita, nonostante la direzione che ognuno dei due partner prenda nella vita. Una volta Imzadi, è per sempre Imzadi.

L'allevamento dei figli
I betazoidi allevano i loro figli con metodi gentili ma severi. I bambini betazoidi sono spesso predestinati ad un matrimonio combinato ancor prima della loro nascita, sebbene la maggior parte di loro ha il privilegio di sfidare questo tipo di forma tradizionale e di sposare qualcuno fuori dalla linea scelta dalla propria famiglia. I bambini vincolano spesso le loro amicizie e quando sono grandi rafforzano questo rapporto che durerà per tutta la vita. I genitori si suppone debbano essere aperti verso i figli, dando loro la massima onestà in modo da essere incoraggianti. Non devono stabilire delle regole, poiché sarà la ragione stessa a dare dei limiti.
Quando nei bambini inizieranno a svegliarsi e a svilupparsi le doti psichiche, saranno i genitori ad incoraggiarli durante il percorso di allenamento, in modo da farli sentire pari a loro.

Addestramento e l'educazione tradizionale
La prima scuola da una prima educazione e l'istruzione è preparata in modo da nutrire le giovani menti con influenze positive da parte degli adulti. Le abilità artistiche e mentali sono stabilite in questo primo periodo scolastico. Inoltre ai giovani betazoidi vengono insegnate anche le basi preliminari della trance e dei metodi di rilassamento.
La seconda scuola, insegna ai ragazzi i primi sviluppi telepatici e spesso sono invitati ad alternare la scuola con lezioni in cui sono aiutati a trattare i loro poteri, aiutandoli con influenze sempre più forti e stabili.
La terza scuola: qui sviluppano maggiormente le doti telepatiche, attuando un metodo di studio più approfondito in modo da poter affinare al meglio il loro dono.
Le abilità variano da soggetto a soggetto ed i genitori in questo lasso di tempo di studi ed addestramento, si aprono ai loro figli condividendo con loro le loro stesse esperienze, vincolando così un legame ancor più forte.

Il corteggiamento
La prima pratica di corteggiamento, viene fatta ancora in giovane età, quando sono gli stessi genitori a legare i bambini con un legame di tipo genetico. Il Vincolo Genetico, è una pratica di vecchio stampo ed i betazoidi più tradizionalisti pensano che vincolare effettivamente i geni dei figli ancor prima che nascano, aumenterà l'energia empatica dei figli da adulti. Quando i bambini raggiungono un'età adulta, molti non rispettano questo vincolo e non procedono con il matrimonio predestinato.
Durante il periodo di fidanzamento è usuale che il ragazzo regali alla propria ragazza una scatola d'argento su cui appare una faccia. Quando la scatola viene donata, la faccia si anima e recita una piccola poesia d'amore. La scatola è solitamente accompagnata con una rosa camaleonte.

Vincolo genetico
Questo coinvolge i giovani betazoidi che sono offerti l'un l'altra come predestinato, nel matrimonio e nell'amore. I genitori dispongono questo quando i bambini devono ancora nascere legandoli non solo geneticamente ma anche empaticamente. Questo tipo di legame, durerà per tutta la vita. La devozione che i giovani hanno per i genitori, a volte li porta a terminare a buon fine il legame da loro creato.

Matrimonio
Il tipico matrimonio betazoide è ricco di simbolismo: ci si aspetta che tutti i presenti, ospiti e partecipanti, partecipino alla cerimonia nudi, per simbolizzare che, fisicamente e spiritualmente, non c'è niente da nascondere, che tutti prendono parte ad essa in completa cooperazione nello spirito di armonia e unità. Durante la cerimonia di unione attorno ai polsi degli sposi viene annodato e sciolto innumerevoli volte un cordino dorato, che sta a significare la loro unione fisica e spirituale.

Le pratiche sociali ed i banchetti
L'amore dei betazoidi per le grandi folle, li porta spesso a creare banchetti e feste. Questo è particolarmente radicato in tre delle Grandi Case, la prima, la terza e la quinta. Durante le feste i betazoidi preferiscono il discorso intelligente e non si interessano di chi scherza e si compiace. Sono gradite le conversazioni illuminate ed a volte telepatiche se accompagnate da buona musica. Per rispetto di ospiti non telepati, la telepatia è evitata. Il cibo servito durante questi banchetti è vario e viene tenuta in forte considerazione il gusto di ogni persona che vi partecipa.

Indole
I betazoidi mostrano varie personalità .
La maggior parte tende ad un comportamento introverso, ma una buona percentuale delle popolazione mostra un'indole estroversa.
Appaiono tranquilli per via della loro natura telepatica e amano molto meditare.
Mostrano un'onesta totale. Sono incoraggiati fin dalla giovane età ad essere onesti ed a volte questa qualità li porta ad essere "brutali" nel mostrare la verità agli altri. Anche se ciò non viene fatto con l'intenzione di offendere a volte si ha l'impressione che ci sia mancanza di tatto verso gli altri.

La religione
I betazoidi sono un persone estremamente spirituali. La loro mitologia si incentra sulle Quattro Divinità che anche rappresentano i quattro aspetti della vita Betazoide. Queste quattro divinità non sono antropomorfiche, ma piuttosto concetti spirituali che loro adorano e a cui aderiscono.
Le Quattro Divinità sono chiamate come le parole betazoidi per i concetti spirituali: Altha (Pace/Stabilità), Imza (Amore/Compassione), Fana (la Natura), Tholta (Verità/Onestà). Mentre tutti e quattro hanno uguale importanza come divinità, esiste una struttura tra loro a forma di diamante. Alla cima c'è Altha. Imza e Tholta sono i punti medi del diamante, perchè senza Amore e Onestà, non ci possono essere pace e la stabilità. Il punto più basso è Fana, o Natura, a simboleggiare le radici della fede.

Altri culti sorgono in regioni specifiche e spesso integrano il culto principale con un numero vario di divinità minori che rappresentano altri aspetti della vita. La grande varietà di queste divinità rende quasi impossibile catalogarle tutte se presi in esame tutti i culti, gli ortodossi tendono invece a considerare queste divinità minori aspetti specifici delle prime quattro, mantenendo così il numero fisso alla regola ortodossa.

Alcuni strumenti strumenti collegati alle tradizioni betazoidi sono:

-Vincolo del Regalo: scatola in argento, come un portagioie, con una faccia o un paesaggio inciso sopra. La faccia sopra si anima e, a seconda dello stato d'animo per la quale è stata realizzata, recita una poesia. E' usato spesso per i regali di fidanzamento.
-Rosa Camaleonte: è un fiore molto bello e molto raro, che cambia colore a seconda dello stato emozionale della persona che lo porta con se. Se diviene ROSSO denota uno stato di collera, VIOLA la pace, ROSA amore e tranquillità , GIALLO una grande forza empatica, BLU significa il vincolare di un amore eterno .
-Carillon Betazoide: è un oggetto piccolo e cristallino, di forma prismatica come un diamante. Questo gioiello viene immerso in un bicchiere d'acqua durante i pasti e serve come buon auspicio e per ringraziare gli Dei
-La Stola Bianca Della Sposa: è un panno di colore bianco, che sta a significare la purezza e che viene indossato dalla sposa il giorno del matrimonio. Si porta sui capelli. Al termine della cerimonia, la sposa toglie il panno e lo lancia dietro di se. Chi lo prende vedrà arrivare il grande amore ed ha già con se un regalo di nozze.

L'arte
L'arte, tesoro di Betazed, è soprattutto la bellezza naturale. I betazoidi amano dipingere la natura che li circonda ed i loro sentimenti più profondi si esprimono con la musica. I betazoidi incoraggiano la creatività ed i loro musei sono allestiti con la presenza di piccoli ruscelli o fontane che creano giochi d'acqua su uno sfondo new age. I giochi d'acqua creano una sorta di musicalità , che i betazoidi chiamano comunemente "musica dell'anima".
I dipinti all'interno dei musei sono esposti su muri che hanno le pareti incurvate verso chi li osserva ed alcuni di questi, davanti, hanno delle comode panchine dove la gente che va a vederli, vi si può sedere e fare meditazione. I quadri sono esposti per tema.
L'arte betazoide si include in alcune categorie: l'arte della bellezza naturale, l'arte della bellezza astratta naturale, l'estratto empatico e l'estratto semplice.
L'estratto naturale è un miscuglio di toni naturali che si amalgamano tra di loro, partendo da un'immagine base di tema.
L'estratto empatico è l'arte che mostra apertamente ed in modo astratto le emozioni ed il forte campo empatico di chi ha creato il dipinto.
L'estratto semplice è un amalgama generale di colori. Si dice che quando si dipinge in questo modo, è perchè non si riesce a cogliere la vita dagli alberi.
Le sculture tendono di più a conformarsi ad un'arte astratta.
La musica betazoide è molto calma e rilassante, a volte surreale.
I betazoidi durante la loro meditazione lasciano che i pensieri scivolino dolci sulle note di questa musica, poiché trasmette un senso di calma e soddisfazione.


IL GOVERNO

Il Consiglio Regolatore legifera su Betazed, i rappresentanti sono democraticamente eletti ed esso stessoè diviso il molte commissioni conosciutie come Relzari i cui membri sono eletti in seno al Consiglio. Il potere esecutivo è nelle mani del Consiglio delle Case che ha mantenuto così quello che resta del loro antico potere aristocratico.
All'interno delle sale di governo, tutti i dibattiti, discussioni ed affari sono comunicati solo ed esclusivamente tramite telepatia. Diversamente da molti dei suoi alleati nella Federazione, Betazed non ha un solo leader supremo. Invece, una enorme apparato burocratico serve i due Consigli.

Betazed nomina il proprio Consigliere Federale scegliendo uno dei propri rappresentanti in seno alle Case più importanti al momento. Attualmente il rappresentante è l'ex ambasciatrice generale Lwaxana Troi.


Fonti: Memory Alpha, http://en.memory-alpha.org - Memory Beta, http://memory-beta.wikia.com - The Worlds of the Federation di Shane Johnson, 1989 - Gente di Betazed, http://gentidibetazed.beepworld.it/betazoidi.htm - Decipher RPG - Last Unicorn RPG - TNG: "Ménage à Troi" - TNG novel: "The Battle of Betazed" - TNG: "Haven" - DS9: "In the Pale Moonlight" - Star Trek: Star Charts di Geoffrey Mandel, 2002
(Tutto il materiale è stato rielaborato secondo i sistema di considerazione prima del CANON -> quindi del LICENZIATARIO -> infine le AGGIUNTE DI TERZE PARTI)
Licenza Creative Commons CC-BY-NC-SA 4.0
Licenza dei Contenuti