Cultura Federale

Torna Indietro

ANDORIA



Nome presente nel catalogo federale: Andoria (Procyon Vb - Kuy'va Vb)
Nome locale: Fesoan
Sistema: Procyon
Quadrante: Beta
Classe: M
Lune: Andoria è una luna di Andor (Procyon V)
Popolazione: 2.5 miliardi
Gravità sul pianeta: 1.00 g
Diametro: 10.084 Km
Circonferenza all'equatore: 31.663,76 Km
Superficie totale: 319.297.355,84 Km²
Superficie terre emerse: 112.073.371,9 Km², 35,1%
Lunghezza del giorno: 30 ore


SISTEMA STELLARE:

    Procyon - Kuy'va (Stella Principale)
  • Procyon I - Kastra (Classe B)
  • Procyon II - Kuy'Thela (Classe D)
  • Procyon III - Andron (Classe F)
  • Procyon IV - Brok'va (Classe D)
  • Procyon V - Andor (Classe J)
    • Procyon Va - Fascia di Guysher (Anello del pianeta)
    • Procyon Vb - Andoria o Fesoan (Classe M)

  • Procyon VI - Kul'va (Classe J)
  • Procyon VII - Kazaan (Classe I)


GEOGRAFIA, CLIMA ED URBANIZZAZIONE



Andoria è la luna del quinto di sette mondi che ruotano intorno alla stella Procyon o, secondo il nome andoriano, Kuy'va. Satellite di un più grande pianeta di classe J chiamato Andor, Andoria è un mondo freddo completamente ghiacciato intorno ai due continenti polari, Issa a mord e Tlanek a sud, e due continenti lungo la fascia equatoriale, Kathela e Voral, collegati da un istmo di terra, l'Akalath, su cui si estendono le Montagne Tharan.
La natura particolare della luna, e del suo campo elettromagnetico in interazione con quello del gigante gassoso, fa si che sui poli ed intorno ad essi le rilevazioni sensoriali risultino disturbate o, in presenza dei giacimenti di minerali magnetici o radioattivi, del tutto bloccate.

I quattro continenti sono baciati dalle acque dell'oceano La Len, a nord di Kathela e Voral ed a sud di Issa, e l'Oceano di Anshim, a sud-ovest di Voral, a nord-ovest di Tlanek e sud-est di Kathela, ed il Mare di La Vor, a nord di Tlanek ed a sud/sud-ovest di Kathela e sud-est di Voral. Anshim e La'Vor si uniscono sotto la penisola di Innari. Quattro mari interni, Emanri in Voral e Ma'rit, Thalassa e Bo'Ab in Kathela chiudono la serie di grandi specchi d'acqua sul pianeta.

Sussiste un'importante controversia riguardo al fatto che Fesoan - Andoria sia effettivamente il pianeta d'origine della specie andoriana. Alcuni andoriani sono convinti che l'origine della specie sia, collocandola alcuni millenni addietro, non sull'attuale luna ma sul pianeta Epsilon Indi IV dove sono state trovate rovine e tracce di una precedente civiltà assimilabile a quanto descritto nelle leggende andoriane. Non si riesce comunque a spiegare il motivo per cui la specie andoriana si si ritrovata su Andoria ben prima dell'era spaziale ma, in relazione all'esistenza di mondi umani con civiltà del tutto simili a quelle di ere passate dell'umanità come i pianeti Elas e Troyius di chiaro stampo graco antico, i ricercatori andoriani ritengono che possa essere stato un intervento di un'altra specie o tecnologia a portare gli andoriani su Fesoan.

A causa delle temperature molto basse, gli andoriani hanno sempre preferito sviluppare i propri insediamenti scavando nel sottosuolo anziché innalzarsi verso il cielo. Le città andoriane si ramificano come complessi labirinti nella roccia e nel ghiaccio alla ricerca dell'energia geotermica sotterranea e si sviluppano come grappoli di strutture interconnesse quando uno spazio viene sufficientemente allargato per poter insediare una piccola comunità. La necessità di adattamento al sottosuolo ha nei secoli imposto all'urbanizzazione andoriana la regola di formare numerose piccole comunità piuttosto che grandi metropoli sicché solo quando queste entrano in contatto tra loro si viene a formare una versa e propria città metropolitana con l'annessione amministrativa alla comunità più grande e l'interconnessione dei rispettivi insediamenti-grappoli.

Tra le città più importanti di Andoria si possono ricordare Lor'Vela, Laibok, Laikan, Lor'Tan, Kul'san, Sheras e molte altre oltre che la Città nascosta Aenar nel continente polare di Issa.

GLI ANDORIANI


Classe: Mammalia
Sotto-Classe: Ghelnoide
Ordine: Carnivora
Specie: Andoriana
Sotto-Specie conosciute: Thallassan, Thalish, Bishee, Aenar.
Altezza media: 170 / 210 cm
Peso medio: 60 / 100 kg
Aspettativa di vita media: 120 anni


Umanoidi relativamente alti per la media federale, caratterizzati da una fisionomia spesso magra e slanciata, la pelle di tonalità più o meno scure di azzurro, un paio di antenne collocate sul capo come organo sesnoriale accessorio, occhi chiari con tonalità dall'azzurro molto chiaro al verde intenso, rari i casi di occhi castani, capelli bianchi o grigi ma in tonalità verso il platino.
Fisiologicamente gli andoriani hanno un sistema circolatorio basato sul cobalto e, come membri unici della sotto-classe ghelnoide, gli andoriani hanno in se caratteristiche accomunabili a taluni esseri viventi insettoidi, come un sistema circolatorio non basato su vasi sanguinei cavi ma condotti a trasmissione osmotica, il rinforzo chitinoso nella cartilagine e intorno alle ossa e l'essere vivipari, ed i più comuni mammiferi, razza endotermica e scheletro interno. La temperatura media di un andoriano è intorno ai 29°C, in conseguenza allo sviluppo in un ambiente molto freddo come Andoria.
Fisiologicamente il loro sangue è compatibile con quello boliano ma gli andoriani non possono riprodursi con nessuna altra specie vivente. La razza ha una predisposizione genetica verso la violenza, un pericolo imminente percepito scatena negli andoriani una reazione chimica interna che aumenta la risposta fisica, emotiva e sensoriale che porta gli andoriani a mantenere uno stato di quiete particolarmente controllabile per la maggior parte delle situazioni ma, in condizioni estreme, scatenano un atteggiamento violento e pericoloso. Nonostante il loro fisico snello e la muscolatura meno appariscente di molti altri mammiferi gli andoriani hanno una forza fisica non inferiore a quella vulcaniana grazie al rinforzo chitinoso delle ossa lungo la muscolatura che li rende in grado di alzare pesi due volte superiori al proprio. Le stesse peculiarità possono trovarsi nella resistenza fisica di questa specie che, oltre al già citato scheletro chitinizzato, possiede intorno agli organi interni delle sacche compartimentalizzate ultra-resistenti ai traumi fisici. Sempre relativamente le ossa, la loro natura particolare fa si che sia più lenta e dolorosa la guarigione delle fratture.
Il sistema circolatorio osmotico li protegge dai danni dell'umidità e della bassissime temperature ma li rende particolarmente vulnerabili alle tossine che si diffondono più rapidamente nel corpo. Al contrario, gli andoriani non hanno un'alta sopportazione del calore.
Gli andoriani sono ambidestri dalla nascita. La fisiologia andoriana rende questa specie particolarmente sensibile agli shock termici ed elettrici e le ferite di phaser e disgregatore hanno un incidenza mortale superiore a quella di quasi ogni altra specie federale.

Biologicamente esistono quattro sessi tra gli andoriani. Due sessi hanno una connotazione prettamente maschile, due prettamente femminili. Esteriormente i due sessi maschili non presentano differenze, la sola differenza tra di essi è l'apporto genetico che sono in grado di trasmettere durante la riproduzione, in entrambi i casi comunque i testicoli sono interni ed il pene è retrattile. I due sessi femminili invece presentano differenze anatomiche interne sostanziali all'altezza degli organi sessuali. I quattro sessi sono:

thaan - o "primo sesso maschile", è portatore di un quarto del corredo genetico necessario alla riproduzione della specie andoriana
chan - o "secondo sesso maschile", è portatore di un quarto del corredo genetico necessario alla riproduzione della specie andoriana

shen - o "primo sesso femminile", trasmette metà del patrimonio generico e produce l'ovulo che verrà fecondato dai maschi
zhen - o "secondo sesso femminile", riceve l'ovulo fecondato dalla zhen e porta a termine la gravidanza

Sono le antenne però a rappresentare una delle capacità più sorprendenti di questa specie, le antenne fungono da strumento accessorio in rinforzo ad altri sensi, in particolare permettono agli andoriani di godere di un senso della profondità più preciso ed una vista quadriscopica. Fisiologicamente l'occhio andoriano non percepisce i colori, sono le antenne, che dispongono di una complessa matrice di coni sensibili alla luce che permette agli andoriani di percepire i colori anche impercettibili per altre specie. Le antenne permettono inoltre di sentire suoni del campo infrasonico ed ultrasonico, possono percepire la variazione di temperatura e pressione nell'aria e captare odori. Le antenne, infine, possono essere un indice emotivo molto superiore che non l'espressività facciale per gli andoriani, dotati di più rigidi muscoli facciali. Le antenne, se recise, ricrescono in 9 mesi circa.



Sotto-specie andoriane.

Esistono quattro differenti sottospecie di andoriani, ognuna di questa è completamente compatibile con le altre.

Thallassan: Rappresentano il 60% della specie andoriana. Hanno una pelle più pallida e chiara e le antenne, che crescono sopra i lobi parietali, sono più robuste e terminano con un padiglione circolare.

Thalish: Sono una minoranza, inferiore al 10% del totale. Hanno la pelle di un azzurro molto chiaro, antenne sottilissime che crescono dalla fronte.

Bishee: Seconda sotto-specie più numerosa. Hanno la pelle di un azzurro intenso e antenne frontali caratterizzate da un padiglione allungato e stretto.

Aenar: Una minoranza molto poco numerosa e quasi sconosciuta fino al XXII Secolo. Si tratta di un ramo dei Bishee che si è separato molto anticamente ed è vissuto nel gelo del continente artico. Nascono solitamente ciechi, sono geneticamente predisposti ad un comportamento tranquillo, a differenza dei Bishee da cui hanno origine, e sono dotati di forti capacità telepatiche. La loro pelle è quasi del tutto bianco avorio. (Maggiori informazioni nel capitolo "Gli Aenar")


CULTURA E SOCIETA'

Gli andoriani considerano se stessi come una razza appassionata, aggressiva e non negano l'indole violenta, tuttavia il loro carattere è assai più complesso. Gli andoriani si mostrano sempre calmi e razionali, talvolta appaiono privi di emozioni, fredid e distaccati ma dentro di se nascondono emozioni molto forti e se emergono possono manifestarsi sia in modo verbale che fisico.
Sono una cultura marziale, cresciuta nei conflitti e fortificata dalla guerra. Disciplina, onore e dovere sono i principi su cui si basa l'educazione andoriana.

Poco noti per simpatia e atteggiamenti caritatevoli, gli andoriani si mostrano invece estremamente uniti e sociali nell'ambiente famigliare verso il quale mentengono un atteggiamento di forte affettività, rispetto e venerazione.
Gli andoriani sono lavoratori stoici, professionali e spesso erroneamente considerati privi del senso dell'umorismo e facilmente irritabili, al pari degli zaldan con cui condividono profonde amicizie. Sono un popolo pragmatico che odia gli sprechi e le attività frivole dove accanto al momento ricreativo non sia associata una qualche attività utile.

Gli andoriani sono inoltre solitamente riluttanti ad aprirsi a relazioni intime al di fuori del proprio "shelt", il gruppo di quattro coniugi che formano il concetto elementare di famiglia, che si sviluppa nei cinque anni di maggiore fertilità per gli andoriani subito dopo la pubertà.

L'importanza delle antenne

Le antenne rappresentano per gli andoriani oltre che lo strumento con cui affinano ogni altro senso anche un oggetto di orgoglio personale. Perdere un antenna, o peggio entrambe, riduce drasticamente i sensi del soggetto rendendolo debole difronte alla società e per effetto diretto rappresenta una perdita dell'onore personale dell'andoriano. Non era insolito anticamente nei duelli d'onore recidere un antenna all'avversario e tenerla come trofeo, comprensibile quindi come tale perdita possa essere paragonata alla castrazione. Fortunatamente per gli andoriani le antenne ricrescono.

La famiglia andoriana.

Gli andoriani sono capaci di riprodursi normalmente solo nei primi cinque anni dopo la pubertà, tendono dunque a formare le coppie e quindi i shelt, l'insieme di due coppie, entro il ventunesimo anno d'età sebbene non siano insoliti matrimoni in shelt anche senza scopo di riproduzione o di coppie che desiderano comunque tentare in età più avanzata. Va da se che la nascita di giovani andoriani segue un ritmo molto veloce e per questo gli andoriani sono tra le razze con il maggior numero di generazioni attive e produttive contemporaneamente. La decisione di unirsi in tarda età presenta molte meno possibilità di avere dei figli per gli andoriani ma non le esclude.

La famiglia andoriana è comunemente rappresentata dallo shelt, l'unione di due coppie sposate che siano la somma dei quattro sessi andoriani. Ciascun andoriano appartiene poi al keth, il clan, che nella maggior parte dei casi determina preventivamente la formazione delle coppie e degli shelt secondo gli accordi a volte secolari tra i clan stessi. Il sistema andoriano da sempre esalta la figura della famiglia composta da quattro individui al punto che per un andoriano gli altri tre membri dello shelt rappresentano qualcosa di unico e insostituibile. I tre compagni diventano per un andoriano una priorità sopra anche alle proprie figure genitoriali ed i propri figli. Questo distaccamento comune degli andoriani dai propri figli si riflette nel trasferimento delle responsabilità educative dei figli dai genitori al keth.
Ogni shelt genera normalmente un figlio per gravidanza e questa dura normalmente sette mesi, i parti gemellari sono rari ed è quindi importante per uno shelt generare quanti più figli possibile per scongiurare l'estinzione della specie andoriana.

Nota: Oggigiorno su Andoria la ricerca medica sta portando ad una sempre più frenetica ricerca di una soluzione per la bassa natalità andoriana. Da una parte alcuni ricercatori stanno studiando sistemi che permettano agli andoriani di incrementare la natalità gemellare ed allungare il ventaglio di anni utili alla riproduzione, dall'altra sono noti e supportati da taluni keth riformisti, gruppi di ricercatori a favore dell'appianamento delle divergenze genetiche tra i due sessi maschili ed i due sessi femminili. Il governo andoriano supporta il primo caso di ricerca e condanna apertamente l'intenzione di stravolgere la genetica andoriana.

Benché ciascun maschio o femmina andoriana siano in grado di accoppiarsi con il proprio compagno liberamente, perché possa avere il via la riproduzione è necessario che lo shelt partecipi allo shelthreth.
Durante questo rito di accoppiamento a turno i due maschi fecondano la femmina shen che produce dentro di se l'ovulo e sono questi tre soggetti a trasmettere il patrimonio genetico al nascituro. Successivamente la femmina shen si unirà alla femmina zhen e gli trasmetterà lo zigote che questa porterà dentro di se fino al parto. La femmina zhen per la natura di questo processo non trasmette al nascituro alcuna informazione genetica.

Una volta nato il bambino gli andoriani dichiarano chi sia il genitore che introdurrà il bambino al suo keth e che darà quindi il proprio "cognome" all'infante. Questa figura normalmente viene scelto secondo degli accordi che lo shelt prende prima di iniziare la riproduzione o secondo gli accordi matrimoniali decisi dai keth prima ancora della formazione degli shelt e delle coppie.

Esistono specifici appellativi per le figure della famiglia andoriana secondo il sesso di appartenenza. Di seguito alcuni esempi che seguono questo schema: appellativo della zhen, shen, chan e thaan.

Appellativo formale (Signore, Signora): Zha, Sha, Cha, Tha
Coniuge: zh'yi, sh'za, ch'te, th'se
Genitore: zhavey, shreya, charan, thavan
Figlio: zhei, shei, chei, thei
Sorella, Fratello: zhi, shi, chi, thi
Suocera, suocero: zhadi, shidei, chada, thadu
Figliastro: zhri'za, shri'za, chri'ze, thri'ze

I nomi andoriani

I nomi andoriani seguono uno schema molto semplice. A ciascun bambino viene assegnato un nome proprio completo. Es. "Hravishran"
La maggior parte degli andoriani si fa chiamare fuori da Andoria con un diminutivo. Medesimo esempio: "Shran"
Ciascun bimbo ha un sesso, e per ogni sesso esiste un suffisso: zh' - Zhen; sh' - Shen; ch' - Chan; th' - Thaan. Questo suffisso è introdotto prima del nome del proprio Keth. Medesimo esempio: "th'Zoarhi"
Il nome completo diviene quindi: "Hravishran th'Zoarhi" o secondo una formula più comune fuori andor "Hravishran del keth Zoarhi"; questa seconda formula omette il sesso del soggetto.

Esempi di nomi andoriani maschili: Akeen, Akoval, Igrilan, Keval, Shran, Shras, Sorjei, Thalev, Theb, Theleb
Esempi di nomi andoriani femminili: Jaylas, Imaru, Lissan, Lyaas, Lyrya, Neruu, Schel, Tara, Tala, Tyvya.

Keth molto importanti di Andoria: Aniri, Claness, Endilev, Ghorev, Hrisvalar, Idrani, Kor, Raioth, Reiji

Nota OFF: Al momento della registrazione gli andoriani si iscrivono con il nome proprio. Nome completo, se desiderato, sesso e keth sono inseribili successivamente nella scheda.

Addestramento e l'educazione tradizionale

Gli andoriani sono sostenitori di ideali quali la conoscenza, la cultura personale, il lavoro ed il patrimonio naturale e preferiscono qualsiasi attività correlata alle attività semplicemente ricreative o sportive, con la sola eccezione delle arti marziali, ritenute uno sport pratico e, pertanto, utile alla formazione di un individuo; per questi motivi il livello educativo su Andoria è molto alto anche rispetto allo standard federale tanto che i titoli ottenuti nelle università andoriane sono considerati molto bene nella Federazione ed un ottima presentazione presso la Flotta Stellare.
Dall'età di tre anni fino ai dodici un giovane andoriano frequenta la Scuola Primaria, dai dodici ai diciotto quella secondaria. Successivamente al diploma gli andoriani frequentano l'università per cinque o sei anni a seconda che si trattino di corsi umanistici o scientifici. Sebbene solo la scuola primaria sia obbligatoria solamente l'1,5% degli andoriani non finisce gli studi universitari.

Nonostante non siano amanti di attività ricreative occasionali, gli andoriani tengono in altissima considerazione le arti classiche quali la musica e la ceramica che sono, universalmente, considerate tra le più gradevoli del quadrante Beta. L'alta considerazione degli andoriani per il lavoro di squadra si riflette nei pochi sport e giochi praticati su Andoria dove anche le arti marziali sono spesso praticate in squadre sul ring. Lo sport più apprezzato, ma non seguito dato appunto il disinteresse a seguire uno sport piuttosto che non praticarlo personalmente, è il kochek una via di mezzo tra l'hockey ed il jai-alai che si pratica su un campo completamente ghiacciato tra tre squadre composte da un numero variabile di elementi secondo la categoria. Più praticate come è stato già detto sono le arti marziali, seguite dalla quali totalità dei giovani e degli adulti, e praticate con e senza l'uso di armi. Alcuni esempi:

Kharakom: Un arte marziale molto violenta che ha parecchie somiglianze, tanto da essere state mutuate reciprocamente alcune tecniche, con la kick-boxing.
Hleshvalath: Arte marziale simile alla lotta greco-romana.
Chaka: arte marziale praticata con la "chaka" un'arma lunga a tre lame con alcune rassomiglianze alla bath'leth klingon e con un simile scopo militare-cerimoniale ma molto più pesante e poco pratica per l'uso comune delle forze dell'ordine andoriane, tanto che ad oggi se ne è perso quali l'uso al di fuori della pratica sportiva e cerimoniale.
Hrisal: altro stile di combattimento, praticato con l'omonima arma, simile allo scherma con sciabola. Lo hrisal è una spada corta sottile e ricurva usata tuttora come arma d'ordinanza dalle forze di polizia.
Ushaan-thor: arma molto piccola, ricurva a mezzaluna, usata tipicamente per i duelli e del tutto assente dalla pratica sportiva agonistica. L'ushaan-thor è l'elaborazione di un più antico strumento usato per il lavoro in miniera.

Tradizione dell'Ushaan

La tradizione andoriana di domandare soddisfazione tramite un duello per vendicarsi di un torto subito o per reclamare per se l'onore strappato ad uno sconfitto, è una pratica tutt'oggi accettata anche dal diritto andoriano. Un cittadino che ritiene di aver subito un torto può presentare regolare domande di sfida presso un giudice e lo sfidato può solamente accettare la sfida. Esistono 12.000 regole scritte per l'Ushaan che contengono regole per il duello, per il diritto di essere rappresentati da un campione, di trasmettere la sfida ad ogni erede dei partecipanti e per le possibili soluzioni che, sebbene includano anche "fino alla morte", solitamente si risolvono in "primo sangue" o "sottomissione".
La Flotta Stellare rispetta il diritto di Ushaan degli andoriani e prevede che questi possano lanciare sfide ed accettarle e stabilisce che, dei tre giudici obbligatori ad una sfida, uno di questi sia l'Ufficiale Comandante dell'unità indifferentemente dalla razza o dalla conoscenza delle 12.000 regole. Solitamente l'ufficiale comandante nomina uno dei due giudici tra un andoriano neutrale rispetto al duello.
Il diritto di sfida è concesso ad ogni andoriano e l'obbligo imposto solo agli andoriani. Un non andoriano che venisse sfidato può rifiutarsi di prendere parte del combattimento.

La sfida si svolge con l'Ushaan-Tor ed il bracciale scudo sull'altro braccio che copre avambraccio e dorso della mano. Tra i bracciali si trova una corda metallica che tiene i partecipanti a distanza di corpo a corpo.

Gli Aenar e la "Ngeph"

Minoranza etnica andoriana, viene definitivamente localizzata e “scoperta” nel ventiduesimo secolo nella landa ghiacciata che occupa il polo nord di Andoria. La loro esistenza si può datare sin dal 2104, ma nella cultura andoriana essi sono stati sempre considerati come una leggenda, un mito.

Gli Aenar vivono un città sotterranee chiuse in se stesse e protette da campi distorsivi. Tradizionalmente molto chiusi verso l’esterno, la loro popolazione non eccede le poche migliaia di individui. Sono dotati di una tecnologia che si discosta molto da quella sviluppatasi su Andoria visto il loro continuo isolamento, ma negli ultimi anni i contatti fra Aenar e Andoriani si sono via via estesi. Dopo la scoperta della loro effettiva esistenza un dibattito si aprì sul pianeta, tra chi considerava gli Aenar come simili e pari e chi invece li relegava ad una posizione di inferiorità razziale.

Nonostante questo, la maggior parte degli Andoriani, dal 2104 in avanti, inizio un processo di pacifica integrazione con gli Aenar. Parallelamente, però, si svilupparono anche organizzazioni avverse alla loro integrazione. Una di esse, chiamata “Ngeph” (proposito, in andoriano), mirava alla definitiva eliminazione fisica di tutti gli Aenar considerati da essi come pericolosi per l’ordine costituito di Andoria e per le altre etnie. Per diversi anni l'organizzazione proliferò in relativo silenzio non godendo del favore di personalità particolarmente influenti, e non guadagnando praticamente alcun potere reale.

Sulla falsa riga del pensiero della Nuova Federazione, anche su Andoria riemersero correnti di pensiero che identificavano gli Aenar come un'imperfezione dell’evoluzione, come esseri inferiori (a causa di alcune loro caratteristiche fisiche come il colorito della carnagione molto più chiaro e la totale cecità) e tale dibattito si acuizzò in maniera estrema portando anche ad ipotizzare una loro definitiva segregazione all’interno delle loro poche città.

A finire del 2370, si insediò a capo della mai sopita Ngeph, il Senatore Ishronev ch’Verres, membro del Parlamento di Andoria. Questi, tramite i mezzi a propria disposizione ed alla vasta rete di conoscenze all’interno di certi ambienti, riorganizzò la Ngeph portandola ad avere emanazioni sull’intero pianeta. La Ngeph cresce, diventando un'organizzazione paramilitare con centinaia di seguaci nell'emisfero settentrionale del pianeta, nelle vicinanze degli insediamenti Aenar. La propaganda portata avanti dalla Ngeph riuscì a diffondere nel resto della popolazione Thalassan un lieve razzismo inizialmente diretto verso gli Aenar ma poi inconsciamente allargatosi anche alle etnie Talish e Bishee.

La prima vera azione della Ngeph fu eclatante: nel 2382 in un attentato dinamitardo portato a termine in un insediamento Aenar morirono quindici persone. Le dimostrazioni di simpatia verso le azioni della Ngeph, moltiplicatisi nel tempo sia per intensità che per numero, ed il serpeggiante ma crescente razzismo nella popolazione Thalassan spinsero il Governo a prendere una decisione radicale. Nel 2384, dopo un’assunzione di responsabilità da parte del Governo per aver sottovalutato il problema, la Forza di Difesa Andoriana venne incaricata di eliminare alla radice il rischio sia dal punto di vista ideologico che fisico.

Dopo anni di scontri, nel biennio 2385-2386, si riuscì a debellare l'organizzazione grazie ad azioni coordinate e continuate nelle maggiori città del pianeta e solo grazie all’azione di alcuni ufficiali e uomini di grande valore si riuscì a ricollegare il Senatore Ishronev ch’Verres alla Ngeph, che fu arrestato. I capi locali ed i maggiori responsabili dei vari dipartimenti dell’organizzazione vennero assicurati alla giustizia. Ad oggi questa orribile pagina di storia andoriana è terminata, ed anche se alcuni nostalgici ancora non condannano a pieno le azioni della Ngeph, attualmente la giustizia andoriana è molto severa con chi inneggia a tali idee ed eventi.


Fonti: Memory Alpha, http://en.memory-alpha.org - Memory Beta, http://memory-beta.wikia.com - The Worlds of the Federation di Shane Johnson, 1989 - Decipher RPG - Last Unicorn RPG - Star Trek: Star Charts di Geoffrey Mandel, 2002 - Fonti originali e Fonti sconosciute (mancano dati sufficienti all'attribuzione) - ENT Episodio: "The Aenar" - ENT Episodio: "United" - TNG Episodio: "Unification" - ENT Episodio: "The Andorian Incident" - ENT Episodio: "Zero Hour" - ENT Episodio: "Shadows of P'Jem" - ENT Episodio: "Cease Fire" - ENT Episodio: "Kir'Shara" - ENT Episodio: "Babel One" - ENT Racconto: Kobayashi Maru - ENT Racconto: Beneath the Raptor's Wing - ENT Racconto: The Good That Men Do - DS9 Racconto: Andor: Paradigm - ST Racconto: Articles of the Federation - TNG Racconto: A Time to Heal - ENT Racconto: Rosetta - DS9 Racconto: Avatar - TOS Racconto: Memory Prime - DS9 Racconto: Time's Enemy. | Integrazione sugli Aenar a cura del giocatore Relehk.

(Tutto il materiale è stato rielaborato secondo i sistema di considerazione prima del CANON -> quindi del LICENZIATARIO -> infine le AGGIUNTE DI TERZE PARTI)
Licenza Creative Commons CC-BY-NC-SA 4.0
Licenza dei Contenuti