Torna Indietro

È giunta l'ora dell'Uomo del Tempo?

Le condizioni del Dottor de Vries sembra aggravarsi, sulla sua malattia ancora mistero -

11 Novembre 2399  Le condizioni del Dottor de Vries si sono aggravate nel pomeriggio: lo comunica con una nota il suo legale (ed esecutore testamentario), la D.ssa Cesira K. Phantoni. Considerato un genio senza eguali nel suo campo, la meccanica temporale, de Vries è recentemente balzato agli onori di cronaca per via della scellerata aggressione subito proprio a bordo della Starbase Tycho, nella notte del 29 Settembre - in circostanze tutt'ora più che torbide - e risultata in una condizione d'invalidità permanente.
Il Dottor Owens, suo medico curante, rifiuta di fornire alcun tipo di informazione specifica al pubblico, trincerandosi dietro alla sacralità del rapporto dottore-paziente. "Il Dottor de Vries è estremamente provato, tanto sul piano fisico quanto su quello psicologico. Fa veramente male veder così ridotto un uomo del suo calibro", sono le sue uniche dichiarazioni.
Ex Primo Ufficiale Scientifico della Stazione, successivamente avvicinatosi ai banchi del Governo Civile, de Vries si è dimostrato negli anni uno scienziato attivo e polivalente. Particolarmente lodevole la recente applicazione delle sue ricerche in campo farmaceutico-nucleare: pare che stesse lavorando al trattamento della sindrome tetra-neoplastica terosiana infantile, una rara condizione medica che colpisce i bambini fra i 3 e i 6 anni di vita. L’Università di Yantara esprime tutta la sua vicinanza allo scienziato, augurando al Dottore tutto il meglio. “Confidiamo in una possibile guarigione del Dottor de Vries” - ha dichiarato il Rettore - “la ricerca su questa tremenda malattia ha bisogno di menti come la sua”. Tale augurio giunge anche da Frank Fontaine, Direttore del Teatro della Tycho, e dalla Signora Tirelli-Prampolini, che hanno esaltato l’impegno filantropico e culturale del Dottore definendolo “un benefattore, un amante del bello e dell’arte. In tutte le sue forme, declinazioni e sfumature. Un'anima buona, costretta ad un destino crudele”.
Uno scienziato, un filantropo, il cui acume sembra rivaleggiare la profonda spiritualità: persino la Madre Superiora della Chiesa Congregazionale della Santissima Visitazione di Gorgoth IV e II ha esteso i suoi auguri al Dottore, dichiarando di "pregare ogni sera per una pronta guarigione del suo corpo, giacché la salvezza della sua anima non realmente bisogno di preghiere".
Nonostante la magistratura sta ancora tentando di ricostruire con cura i fatidici accadimenti di quella serata, come anche le motivazioni ed i possibili colpevoli, gli elementi del caso rimangono piuttosto oscuri. La Direttrice del Governo, Sarah Blackwood, ha commentato telegraficamente la questione, esternando tutta la sua vicinanza al Dottore ripetendo, tuttavia, la sua piena confidenza nei confronti del sistema giudiziario.
Fonti del Dipartimento Scientifico confermano che de Vries stesse lavorando, prima dell'incidente, a diversi progetti di grande importanza, molti dei quali ancora embrionali.
Un suo collega, raggiunto in serata, ha detto di essere stato colto estremamente alla sprovvista - quasi pietrificato -, proprio per via delle ultime dichiarazioni del Dottore prima del terribile incidente; sembra infatti che de Vries avesse messo in luce quanto dirompenti fossero i risultati delle sue ricerche, e di quanto benessere potessero portare a tutti i cittadini della Starbase Tycho.
Quella stessa Starbase Tycho che, invece di proteggerlo e valorizzarne il lavoro, lo ha condannato ad una infermità permanente.