Torna Indietro

Il Dottor de Vries alla ribalta

Eminente scienziato annuncia la sua candidatura: "Federazione ritorni ad ideali originari" -

7 Dicembre 2400  Raggiunto dal Tychonian Eagle in giornata, de Vries ha confermato la propria candidatura per le recenti elezioni presidenziali.
"Anche se distaccati dal Quadrante Alfa, è nostro dovere morale custodire gli ideali fondanti, che ci hanno permesso di essere qui", dichiara il Dottor de Vries. "Ed il nostro più alto dovere è proprio promuovere più elevati standard di vita, piena occupazione, il progresso economico e sociale ed, in particolar modo, lo sviluppo scientifico e tecnologico, attraverso il quale tutto questo non può assolutamente essere possibile".
Riguardo al ruolo della Flotta Stellare ed alla divisione delle competenze tra quest'ultima ed il Governo Civile, de Vries si dice "particolarmente ottimista".
Scienziato profilico e polivalente, il Dottor Gertjan de Vries (39 anni) può vantare una carriera di tutto rispetto: accademico particolarmente profilico, fu reclutato nel 2395 dalla Flotta Stellare, distinguendosi per la direzione di progetti d'alto profilo tecnico e scientifico. Al termine del proprio incarico, nel 2399, è stato insignito dal Governo Blackwood della Direzione del Dipartimento Scienza ed Esplorazione della Starbase Tycho, che tutt'ora dirige.
Molte delle sue scoperte hanno recentemente trovato impiego pratico: particolarmente lodevole la recente applicazione delle sue ricerche in campo farmaceutico-nucleare, in particolar modo verso il trattamento della sindrome tetra-neoplastica Terosiana infantile, una rara condizione medica che colpisce i bambini fra i 3 e i 6 anni di vita. Per questi e molti altri motivi, il Governo Civile ha recentemente garantito al Dottore il comando della nuovamente operativa R.T.S. Lagrange, nave civile d'esplorazione, impiegata in missioni di ricerca scientifica.
L’Università di Yantara esprime tutta la sua vicinanza allo candidatura dello scienziato, augurando al Dottore tutto il meglio; tale augurio giunge anche da François Aznavour, Direttore del Teatro della Tycho, e dalla Signora Tirelli-Prampolini, che ne hanno esaltato l’impegno filantropico e culturale definendolo “un benefattore, un amante del bello e dell’arte. In tutte le sue forme, declinazioni e sfumature”.